Buoni spesa, Pd e Articolo 1: “Chiarire criteri e modalità di distribuzione”

"Convocate il Consiglio. Il sindaco non può esimersi da una richiesta di trasparenza"

616

Il governo nazionale ha trasferito al Comune di Santa Croce Camerina 104.377,11 euro per l’emergenza alimentare legata al Coronavirus. “Dovere dell’agire amministrativo è innanzitutto il dovere della trasparenza, dell’informazione continua e puntuale ai cittadini. Quando ci sono risorse da distribuire, in una situazione di estrema emergenza, il Sindaco non può sottrarsi al controllo e all’imperativo morale di dare conto alle forze politiche e ancor più ai cittadini, di quali sono i criteri e le modalità di distribuzione, né può delegare, senza aver dato disposizioni, ad altri Enti e/o Uffici Comunali.”  E’ quanto recita una nota congiunta di Pd e Articolo 1. “Talvolta si fa confusione tra burocrazia e politica. La politica ha il dovere delle decisioni e degli indirizzi, la burocrazia ha solo il compito di eseguire senza diventare un ostacolo. Noi proponiamo di diradare le nebbie, rendere il “palazzo” di vetro per non favorire sospetti e idee di donazioni a chi non ha diritto e al contempo, privare chi ha diritto, per meri scopi clientelari. A questo scopo occorre sapere, per esempio: a quanto ammonta un buono spesa (contributo individuale); qual è il criterio generale di distribuzione; da chi e come viene formata la graduatoria; a quanti buoni spesa ha diritto ciascun nucleo familiare; quante domande sono pervenute”.

“Siamo disponibili a partecipare attivamente come forze politiche dell’opposizione non rappresentata in Consiglio Comunale a individuare insieme all’Amministrazione le iniziative migliori per evitare situazioni spiacevoli e sperequative – continua la nota -. Occorre coinvolgere pienamente le associazioni di volontariato laiche e cattoliche per individuare le famiglie davvero in difficoltà e qualificare l’intervento in modo che la Politica sia al servizio del bene comune in una situazione drammatica e complessa. Alle forze politiche di maggioranza e di opposizione presenti in Consiglio, sapendo e capendo chi è l’una e chi è l’altra, chiediamo di farsi promotori di una convocazione urgente del Consiglio Comunale per discutere dell’argomento in modo chiaro, trasparente e di fronte al paese”.

 

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...