Zago: “Tavolo tecnico con forze politiche e associazioni di categoria”

Per la consigliera comunale di Diventerà Bellissima "non è il momento del tifo da stadio"

619

Abbiamo ritenuto, fin dall’inizio di questo tragico momento, che non sarebbe stato assolutamente opportuno strumentalizzare qualsiasi fatto o evento per far propaganda politica, propaganda sterile e fine a se stessa. Altri, purtroppo, non hanno ritenuto di tenere lo stesso atteggiamento”. Ma la politica ha bisogno di riprendere forma e anche Chiara Zago, consigliere comunale di Diventerà Bellissima, s’iscrive al dibattito. “Non è stato, e non è il momento delle polemiche strumentali, delle urla fine a se stesse, della battaglia politica al fine di accrescere la propria visibilità effimera – continua Zago -. E’ il momento della solidarietà, è il momento di consolidare la nostra appartenenza ad una stessa comunità. Non è adesso che diremo la nostra opinione sugli accadimenti politici, sugli sviluppi, sulle evoluzioni. Per quello ci sarà tempo… Riteniamo, al contrario, che adesso sia doveroso proporre provvedimenti costruttivi che possano aiutare la nostra comunità a mettere da parte le contrapposizioni ideologiche o peggio ancora quelle dettate da altri sentimenti, più o meno nobili, e aiutare i nostri commercianti, i nostri artigiani e le nostre imprese, da sempre caratterizzate da buona volontà e scevri dai condizionamenti dei famosi “lupi di màla cusciénza””.

Da qui la proposta a compagni e rivali: “Proponiamo di aprire un tavolo tecnico che coinvolga tutte le forze politiche e le associazioni di categoria – recita la nota, firmata anche dal circolo Meridiana di Santa Croce – al fine di stilare un elenco di provvedimenti che possano raggiungere questo scopo una volta che sia sancita la riapertura di tutte le attività. Ad esempio, l’azzeramento della tassa di occupazione di suolo pubblico per tutte le attività commerciali e anche per le imprese oltre ad altre decine di provvedimenti che possono essere adottati a livello di Amministrazione Comunale. Consentiteci un’ultima riflessione: qualsiasi cittadino che voglia compiere gesti di beneficenza e solidarietà è libero di farlo, anche se ricopre incarichi pubblici o istituzionali, senza dover ricorrere per forza a forme di pubblicità ingannevoli – specifica Zago -. Tutto il resto, in questo momento, sono parole al vento che non trovano alcuno spazio, soprattutto nell’interesse dei cittadini che esigono risposte dalla politica, non certo tifo da stadio per la squadra del cuore”.

La Zago ha anche espresso “un sincero ringraziamento a tutte le associazioni operanti sul territorio, a tutti i liberi cittadini, ai volontari, che si sono adoperati e mobilitati per rendere meno pesante questo grave periodo di difficoltà economica che si è abbattuto su molte famiglie. Ancora una volta, la nostra comunità, al di là degli aiuti dello Stato, si è distinta per senso di solidarietà e fratellanza”.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...