Canone idrico, parla il sindaco: “L’acqua avrà una gestione in house”

Il primo cittadino allontana l'ipotesi di un rinnovo del contratto con la Mediale

1.861

“Voglio rispondere a qualche consigliere comunale che nelle ultime ore ha chiamato in causa questa amministrazione sulla gestione dell’acqua. Ricordo che il rapporto tra l’ente privato e il cittadino è sottoposto ad un regolamento. Regolamento che se dovesse presentare discrasie potrebbe essere sempre riportato in consiglio comunale ed essere discusso e sottoposto a modifiche con un’apposita mozione.” Il sindaco Giovanni Barone risponde così a qualche critica emersa recentemente sulla gestione dell’acqua su tutto il territorio camarinense. L’ultimo a sollevare il tema, nel corso di un intervento-video pubblicato su Facebook, era stato il capogruppo di Liberi di Scegliere, Luca Agnello: “I cittadini – aveva detto il consigliere – non possono più sentirsi abbandonati su tematiche importanti quali, ad esempio, la Mediale”. “In conclusione – dichiara Barone – l’amministrazione di Santa Croce, lavorerà per riportare la gestione dell’acqua in house con capitale pubblico e non più privata com’è attualmente dal 1998 quando l’allora amministrazione di sinistra affidò ad una ditta privata la gestione del prezioso liquido.”

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...