Barone, attacco frontale al Pd: “Hanno lasciato il Comune indebitato”

Il sindaco replica su strisce blu e panchine di Caucana: "Chi parla non è neanche iscritto"

811

“L’ironia piace talmente tanto ad Articolo 1 e ad una parte del PD (in pratica quelli che non sono iscritti al partito democratico ma che parlano per conto del PD (?)) che dopo aver sarcasticamente ironizzato sui video del sindaco, anche loro aprono un canale sui social, ironico e divertente. Ma soprattutto riportando notizie false e tendenziose”. Il Sindaco di Santa Croce, Giovanni Barone, replica alle notizie diffuse sui social sulla recinzione delle panchine del lungomare Anticaglie e sulle strisce blu.

“Nel video (da) ‘denuncia’ si parla delle strisce blu a Caucana e Punta Secca. In realtà a Caucana il parcheggio a pagamento non è attivo e nel Lungomare Anticaglie a Punta Secca le strisce blu sono attive solo per la prima parte della strada. Inoltre voglio ricordare che prima di avviare il servizio di parcheggio a pagamento, c’è stato il coinvolgimento di tutte le attività commerciali convocate in biblioteca. La maggioranza dei commercianti ha fortemente voluto l’istituzione delle strisce blu. Non è stata una imposizione dell’Amministrazione Comunale. Inoltre le strisce blu in alcune zone di Punta Secca è una forma democratica per garantire anche a chi non è residente di poter parcheggiare la propria automobile. Purtroppo succede che il parcheggio sulle strisce bianche è spesso utilizzato impropriamente da chi lascia la propria auto per intere settimane. Gli stalli a pagamento consentiranno un turn-over che consentirà a tutti di parcheggiare ed usufruire sei servizi a Punta Secca.”

“Per quanto riguarda le panchine transennate – continua Barone -, l’opera di delimitazione è stata necessaria per la messa in sicurezza dell’intera area in quanto l’erosione costiera ha messo in serio pericolo la sua stabilità. Come è ben evidente la zona archeologica è interessata dalla messa in sicurezza per il cedimento del costone a cura della sovrintendenza di Ragusa, mentre la parte dove insistono le panchine sono a carico del Comune. Mi chiedo come mai la precedente amministrazione, di centrosinistra, non ha proceduto al consolidamento del costone? Di certo sarebbe costato meno e non avrebbe provocato i crolli che oggi devono essere necessariamente fermati. Oggi noi stiamo intervenendo grazie ai fondi di rotazione. In attesa della loro risposta, abbiamo proceduto noi a recintare l’intera zona mettendola in sicurezza. Bastano questi due argomenti per chiudere una polemica nata con una risata”.

“E’ chiaro che la svolta o l’alternativa politica in città non potrà essere rappresentata dal PD che nelle ultime consultazioni amministrative è stato sonoramente bocciato dall’elettorato. Un’amministrazione di centrosinistra bocciata per la politica temeraria ed inconcludente sui rifiuti dalla quale ne stiamo uscendo oggi grazie alla nuova impostazione che abbiamo dato che ci permetterà di metterci in linea con gli altri comuni iblei. Ed ancora, acqua pubblica gestita dai privati; rete idrica lasciata ad un colabrodo e senza alcun intervento di risanamento sull’acquedotto; indebitamento del Comune per l’accensione di un mutuo di 600 mila euro. E gli esempi potrebbero continuare…”

“Oggi – conclude il Sindaco – mi ritrovo a rispondere ad un partito, il PD, con quale fino a poco tempo fa ho anche dialogato in maniera costruttiva, a qualsiasi livello, con rapporti sempre cordiali. Al punto tale che non avrei mai pensato di poter puntare il dito verso un partito con quale persistevano rapporti politicamente corretti. Rapporti talmente costruttivi che ho anche ripreso il marchio di Montalbano, che era un loro progetto rimasto inconcluso. Mi ritrovo attaccato frontalmente su argomenti sui quali chi ha amministrato in passato ha sonoramente fallito”.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...