“Stop all’asporto degli alcolici dopo le 20”: la proposta di Fare Ambiente

Salvatore Mandarà: "Solo in questo modo si riducono i bivacchi e il degrado"

771

“Asporto di alcolici vietato dopo le 20: solo così si combatte il fenomeno del bivacco e dell’abbandono di bottiglie di birra a Santa Croce Camerina. Serve un’ordinanza immediata in aggiunta al Daspo Urbano – dice Salvatore Mandarà di FareAmbiente – che vieti la vendita d’asporto di bottiglie e lattine di alcolici nel territorio comunale, borgate comprese, nelle ore serali. Chiaramente senza portare nessun nocumento alle attività commerciali già danneggiate dal Coronavirus – si legge nella nota -. Dopo le 20, infatti, si potrebbero vendere e consumare birre, cocktail e altre bevande alcoliche all’interno di locali, bar e pub o negli spazi esterni di loro pertinenza. Insomma, non bisogna più consentire di girare per strada bevendo birra, vino e superalcolici, e abbandonando bottiglie, spesso ridotte in frantumi, ovunque. Mettere un freno a questa “movida selvaggia”, dopo gli episodi degli ultimi giorni, significa “meno chiacchiere e più fatti”, con azioni concrete previste dal programma di questa amministrazione e condivise da FareAmbiente. L’obiettivo non dovrà essere solo quello di smantellare il mondo della night life di extracomunitari in città, ma anche ridurre lo spaccio e il consumo di sostanze stupefacenti tra i giovani santacrocesi”.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...