Un impianto fotovoltaico in c.da Dammusi: bozza d’accordo coi privati

Il Comune potrà usufruire delle opere di compensazione per la mitigazione ambientale

654

Lo scorso lunedì si è tenuto in Sala Giunta, a Palazzo di città, un incontro con la società Solar Italy XVI Srl, a seguito della Conferenza dei Servizi indetta dalla Regione Siciliana per la Valutazione di Impatto Ambientale circa le opere di mitigazione Ambientale e Territoriale che l’Amministrazione comunale intende che vengano realizzate in rapporto alla possibilità di realizzazione in c.da Dammusi di un impianto fotovoltaico di 18 MWp. Un incontro che ha fatto seguito dopo il primo avvenuto in video conferenza lo scorso 25 giugno 2020, per la richiesta del parere favorevole da parte del Comune. Un parere strettamente legato alle opere di compensazione per il Comune, oltre alle opere di ‘mitigazione ambientale’ sul posto (piantumazione – sistemazione dei muretti in pietra, etc), sempre a carico della azienda che investe sul territorio. Dunque un primo incontro finalizzato sulle opere di mitigazione ambientale da realizzare sul sito.

A seguito della prima Conferenza di Servizi avvenuta in videoconferenza, le due parti, il Sindaco e Ditta, hanno preso impegno per un secondo incontro specifico, al fine di illustrare la documentazione prodotta, valutare l’impatto territoriale dell’impianto proposto e definire le idonee misure compensative che la Ditta deve fornire a favore del Comune. E’ stato l’incontro di lunedì scorso, 1 luglio 2020, a mettere le basi per la realizzazione dell’impianto. Dopo un’ampia discussione tra le parti, si è stabilito che l’Amministrazione comunale di Santa Croce indicherà ai tecnici della Solar Italy le proposte da realizzare, per l’ammontare proposto dal Sindaco e accettato dalla Solar Italy e che le stesse opere siano una volta progettate sottoposte alla Validazione e all’Approvazione del Comune di Santa Croce. La lunga trattativa per il riconoscimento economico a favore del Comune per una ricaduta economica su tutto il territorio sarà del 3%. Si tratta del massimo, in termini di percentuale, che si poteva chiedere ed ottenere al fine di garantire un gettito economico per migliorare la gestione del territorio.

Infine il Sindaco, in questa importante fase istruttoria del procedimento autorizzativo, ha confermato e ribadito che lo sviluppo del proprio territorio passa dai santacrocesi e che le misure compensative, da prevedere per la realizzazione di qualsiasi impianto ad energia rinnovabile, dovranno essere massime e idonee, in funzione del loro livello di impatto ambientale e territoriale.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...