Il Santa Croce parla argentino: presi Escobar e Cornazzani. Resta Cavone

Si tratta di un regista e un centravanti (al posto di Reinero). In porta una conferma

321

È stata una settimana intensa e piena di impegni per il dg Claudio Agnello e per il ds Paolo Fazio intenti a completare la rosa dei giocatori da affidare alle cure di mister Gaetano Lucenti. A poche ore dal fatidico “start up” i due dirigenti biancazzurri hanno puntellato la nuova rosa con degli innesti di comprovata affidabilità. La prima novità sostanziale riguarda una vecchia conoscenza, giacché, si è riusciti a trovare l’accordo e quindi la riconferma con il portiere Giuseppe Cavone. La seconda novità in realtà è un doppio colpo perché, grazie all’intermediazione del talent scout Lautaro Tarquino, il “Cigno” si è assicurato le prestazioni del talentuoso regista argentino Leo Javier Escobar (nella foto insieme al ds Fazio) e del centravanti, anch’esso argentino, Franco Cornazzani. Leo Escobar (classe 1996) proviene dalla Civitanovese che milita nel campionato di Promozione marchigiano, ma, in argentina ha fatto la trafila nelle giovanili del Club Platense che milita in serie B, arrivando a esordire in prima squadra. Escobar è il classico numero dieci, dotato di una buona tecnica e di un’ottima visione di gioco e sono proprio queste caratteristiche sulle quali conta mister Lucenti per affidargli le chiavi del centrocampo.

Franco Cornazzani (classe 1998), invece, proviene dal Tortolì dove grazie alle sue reti ha contribuito alla salvezza dei sardi nel campionato di Promozione, ma è anche una vecchia conoscenza del calcio siciliano, avendo indossato già le maglie di Alcamo, Castelbuono e Sporting Vallone nel campionato di Eccellenza.  Cornazzani è dotato di un fisico possente ed è il classico lottatore d’area, bravo a sfruttare situazioni in mischia, ma è anche altrettanto astuto nell’attaccare gli spazi e inserirsi per finalizzare. Il compito di Cornazzani sarà ancora più gravoso perché dovrà sostituire il suo connazionale Ariel Reinero approdato in serie D nell’Aprilia (girone laziale) grazie alla splendida stagione vissuta con il “Cigno” dove ha messo a segno 17 reti in 25 gare. “Iniziamo la stagione agonistica con un cauto ottimismo. – dice il ds Paolo Fazio – Come volevamo abbiamo puntato a confermare quanti più giocatori della scorsa stagione. I ragazzi hanno risposto molto bene e con Escobar e Cornazzani abbiamo rinsaldato la già ottima rosa della scorsa stagione. A tal proposito voglio ringraziare il talent scout Lautaro Tarquino per il grande appoggio ricevuto nella trattativa per l’acquisizione dei due giocatori. Rimaniamo, comunque, sempre vigili sul mercato, per eventuali “last minute” che potrebbero interessarci, ma in questo momento possiamo ritenerci soddisfatti. Adesso è tempo di allenamenti e test calcistici e grazie ai riflessi che ci darà il campo decideremo insieme al dg Claudio Agnello eventuali altri movimenti”.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...