Il Covid manda in crisi gli ospedali: sospese le attività chirurgiche

Il provvedimento di Aliquò riguarda il Giovanni Paolo II di Ragusa e il Guzzardi di Vittoria

998

Continua a soffrire la provincia di Ragusa: il dato di oggi parla di 649 persone attualmente positive. I numeri più alti a Vittoria (303) e Ragusa (155). Ieri, al “Guzzardi”, si è registrato il decesso di un paziente vittoriese di 84 anni. Allo stato attuale le persone ricoverate nell’ospedale “M. P. Arezzo” di Ragusa sono 18 in Malattie Infettive e 4 in Terapia Intensiva. Si registra, altresì, un ricoverato in Malattie Infettive, dell’ospedale San Marco di Catania. Intanto, i pazienti che restano in “area grigia” in attesa di comprendere se sarà necessario il ricovero, sono  18: sette a Ragusa, sette al “Maggiore” di Modica e quattro a Vittoria. Quattro pazienti, invece, si trovano ricoverati nella foresteria del “Maria Paternò Arezzo”.

L’Asp di Ragusa, visto l’andamento epidemiologico, così come indicato dall’assessorato della Salute, per potenziare i servizi assistenziali, è ricorsa all’assunzione temporanea di personale sanitario esterno. Nello specifico si tratta di 12 OSS e 2 ausiliari per il reparto di Malattie Infettive – area Covid e n. 6 OSS per la foresteria, sempre all’ospedale Maria Paternò Arezzo. Ma la notizia più grave è che il direttore generale Angelo Aliquò, con decorrenza immediata, ha sospeso le attività chirurgiche presso i presidi ospedalieri di Ragusa e Vittoria, che dovranno garantire esclusivamente le prestazioni in urgenza.

Questo comporta alcuni spostamenti di peso: all’ospedale Giovanni Paolo II, sia il reparto di Medicina Generale I che la Terapia intensiva, vengono riconvertite in via esclusiva a pazienti Covid. I degenti ordinari saranno trasferiti nel reparto di Urologia; quelli in Rianimazione, invece, finiscono a Modica. Questo permetterà di ricreare 8 posti letto in Terapia intensiva e 17 posti letto di degenza ordinaria con modulo di sub-intensiva, eventualmente riconvertibili in Terapia intensiva (per un totale di 25, a pieno regime). In attesa dell’attivazione di suddetto modulo, i pazienti Covid riceveranno le cure del caso anche all’ospedale di Vittoria. Restano attive, per le situazioni a minore intensità di cura, anche le postazioni già presenti al “Maria Paternò Arezzo”. Che però non bastano più.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...