Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop
Il Santa Croce di Gaetano Lucenti si lecca ferite dopo la sciagurata sconfitta interna di domenica scorsa contro l’Enzo Grasso, arrivata a causa di alcune circostanze nervose e plateali da parte della squadra ospite che hanno sconvolto l’equilibrio psico-tecnico dei giovani calciatori biancazzurri. Il tecnico camarinense, naturalmente, non ha cercato alibi per il brutto spettacolo messo in scena in campo dalla squadra ospite, ma all’inizio degli allenamenti ha voluto dare una scossa alla squadra, cercando di archiviare al più presto la brutta prestazione. “La sconfitta di domenica è il solo frutto della giovane età dei miei uomini – dice il tecnico Gaetano Lucenti – L’inesperienza dei miei giocatori (l’età media della squadra è di 23 anni, ndr), ci ha portato a farci coinvolgere nel marasma creato e programmato dall’Enzo Grasso. Colpa nostra, ma anche del direttore di gara che poteva prendere altre decisioni, perché è inconcepibile interrompere la gara per circa dieci minuti, per ben due volte, a causa di scaramucce create ad hoc, con il solo scopo di spezzare il ritmo. Bisogna farsene una ragione, perché nel calcio di oggi esistono queste situazioni e la massima serie calcistica non dà il buon esempio. Il nostro obiettivo adesso è quello di cambiare pagina e iniziare a fare risultati utili come in precedenza. La gara di domenica prossima a Catania, contro l’Atletico, sarà difficile ma la mia squadra è capace di ogni impresa”.
Fabio Fichera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Calcio a 5, C1: Kamarina, il derby è una disfatta! L’Arcobaleno Ispica vince 7-0

Crollo casalingo del CS Kamarina che fallisce l’appuntamento più atteso: il derby con l’Ar…