Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Un tunisino di 30 anni è stato colpito alle gambe da un proiettile mentre lavorava presso una tenuta di Punta Braccetto. E’ successo nel pomeriggio di giovedì. L’uomo è stato trasportato presso l’ospedale Guzzardi di Vittoria, dove è stato dimesso poche ore dopo. I Carabinieri stanno indagando sulla vicenda: dalle prime ricostruzioni sembra che i colpi siano stati sparati da un’auto in corsa, che stava attraversando la provinciale adiacente al terreno. Le forze dell’ordine, subito dopo l’accaduto, hanno istruito dei posti di blocco che però non hanno sortito alcun effetto. Gli attentatori avrebbero lanciato solo un avvertimento nei confronti dell’uomo, già conosciuto dai Carabinieri per piccoli episodi legati allo spaccio. L’allarme sicurezza – dopo la rapina alle Poste – risuona forte e il sindaco Iurato ha voluto sottolineare “l’impegno delle Forze dell’ordine. I controlli effettuati sul territorio – continua il primo cittadino – hanno dato positivi frutti”.

 Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Travolto dalla fresatrice: muore un tunisino di 59 anni alle porte di S.Croce

Un tunisino classe ’58 è morto oggi pomeriggio, alle porte di Santa Croce Camerina, in seg…