Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Sul protocollo stipulato tra l’azienda sanitaria provinciale n.7 ed “Emergency – life Support civilian War victimis – Ong” e il Comune di Santa Croce per attivare uno sportello temporaneo di accoglienza, il vicesindaco Francesco Corallo ha pochi dubbi e risponde al consigliere d’opposizione Gaetano Pernice che esorta, piuttosto, l’esecutivo cittadino ad una maggiore attenzione alle realtà associative locali, come l’Avs. Dice Corallo: “Forse manca qualche passaggio al consigliere, poiché Avs già usufruisce a titolo gratuito dal gennaio 1999 di parte dei locali dell’ex macello. L’associazione li gestisce come ritiene non avendo limitazioni di sorta. Sono momenti che ricordo bene perché all’epoca io ero assessore. Il Comune ha avuto la grande fortuna di avere a titolo gratuito la presenza di Emergency con un suo sportello, due mezze giornate la settimana: il lunedì pomeriggio e il giovedì mattina per sei mesi. Ricordo che si tratta del locale attiguo ai Servizi sociali che prima ospitava l’Ufficio commercio che è passato al Comune per seguire gli sviluppi del marchio geografico di zona con maggiore attenzione. Contrariamente a quanto si vuole insinuare l’amministrazione guarda a tutto e in special modo alle esigenze della gente, di tutta la comunità senza distinzioni di alcun genere”.

Fonte: La Sicilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Cartellone sparisce per la festa, poi riappare:”Perché blackout democratico?”

Ventiquattr’ore per vedere due cartelloni sparire e riapparire in piazza. Quello del grupp…