Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Lotta senza quartiere per il fenomeno delle fumarole. Gli agenti della Polizia Provinciale, su direttiva del comandante provinciale Raffaele Falconieri, ha proceduto alla denuncia all’autorità giudiziaria di 11 produttori agricoli in quanto sorpresi a bruciare i rifiuti dismessi delle serre. Dovranno rispondere dell’ipotesi di reato di illecito smaltimento di rifiuti speciali ed immissione molesta di fumi in atmosfera. La Polizia Provinciale ha intensificato in quest’ultimo periodo i controlli specifici su tutto il territorio provinciale a tutela della salute pubblica e dell’ambiente. Sono stati eseguiti controlli a tappeto nelle contrade Finocchiaro, Piombo e Randello di Ragusa, Macconi, Dirillo, Alcerito e Berdia di Vittoria, Playa Grande di Scicli, Punta Secca e Punta Braccetto in territorio di Santa Croce Camerina e contrada Moglie di Acate. Altri 19 imprenditori agricoli, che avevano accumulato nei propri fondi ingenti quantità di rifiuti agricoli sono stati diffidati a documentare il corretto smaltimento dei rifiuti (in pratica dovranno presentare il formulario di identificazione attestante l’avvenuto e corretto conferimento dei rifiuti), pena l’applicazione delle sanzioni di legge. I servizi di controllo saranno intensificati durante i prossimi giorni e in tutto l’arco della giornata compresa la notte.

Redazione

5 Commenti

  1. Ventura Rosario

    1 agosto 2014 a 07:46

    Io sono dal parere, che quando succedono queste cose, cioe’ queste fumarole, la gente non deve essere multata ma bensi’ aiutata a smaltire questi rifiuti delle serre.
    Bene come? si chiedono loro….Tu, stato vedi che io da serricoltore ho dei problemi a smaltire i rifiuti, che fai se mi vuoi aiutare.?
    Crei un deposito dove ogn agricoltore e obligato a portare i suoi rifiuti, compri una macchina sdriciola tutto, e quel materiale lo farai diventare un compost, fertilizzante per la prossima campagna.
    Cosi facendo aiuti l’agricoltore a smaltire i suoi rifiuti, mantieni l’aria pulita, e nelllo stesso tempo ci guadagni, ed hai risolto il problema rifiuti.non si va subito dritto al cuore della gente, ma bisogna trovare la soluzione……….
    Cordiali Saluti

    Rispondi

  2. Fabio

    1 agosto 2014 a 13:37

    Invece di fare sanzioni inutili , perchè non dite dove gettare i rifiuti??
    Perchè NON è ne il primo ne l’ultimo caso delle fumarole di rifiuti.

    Rispondi

  3. giovanni

    1 agosto 2014 a 18:35

    Ma che eroi i signori della polizia provinciale, bravi bravi….multateli tutti questi agricoltori cattivi che bruciano le piante di melanzana e pomodori secchi, divertitevi mentre siete in tempo, perché tra un po non ce ne saranno più da multare, tanto, stanno fallendo tutti. Certo, quando non ci sarà piu nessuno da multare voi finalmente perderete il posto ma in compenso mangeremo i pomodoro del Marocco. Che goduria.

    Rispondi

  4. piccione serafino

    6 agosto 2014 a 22:35

    sono perfettamente d’accordo con te giovanni……

    Rispondi

  5. santacruciaro

    13 agosto 2014 a 11:53

    la colpa dei pomodori del marocco chi ce la chi assume sempre extracommunitari per risparmiare nella mano d opera e poi quando vi hanno rubato il mestiere ed altro poi vi lamentate perche mangeremo pomodori del marocco fatevi un esame di coscenza agricoltori che avete sbagliato tanto anche voi

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Hashish nelle tasche del giubbotto: fermato 20enne tunisino a Santa Croce

Controllo ad ampio raggio dei Carabinieri nel territorio di Santa Croce Camerina: nella se…