Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

“Sono molto amareggiato nel constatare che l’Amministrazione di Santa Croce Camerina, sempre così sensibile a tematiche legate alla antiviolenza e al ricordo dei martiri della guerra, non abbia speso ad ora, in questa giornata particolare, una sola parola in ricordo degli oltre 15.000 morti infoibati e 350.000 esuli dalle terre italiane dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia”. Inizia così la nota del consigliere comunale d’opposizione Luca Agnello, in riferimento alla Giornata del Ricordo delle Foibe e dell’Esodo Giuliano-Dalmata, che ricorre proprio il 10 febbraio: “Invito tutte le istituzioni locali e l’ intera cittadinanza – continua Agnello – ad una preghiera comune in ricordo delle vittime di una delle pagine nere del ‘900, che solo grazie al tempo è stato possibile rievocare maturando nella coscienza collettiva il principio universale della ricerca della verità spogliandosi da anacronistici condizionamenti politici. I tragici eventi in Medioriente purtroppo ci dimostrano quanto l’ uomo dimentichi in fretta se stesso. Concludo questa mia sincera riflessione riprendendo alcune parole che Karol Wojtyla rivolse ai governanti di tutto il mondo nel 2003: mai più guerra, mai più strazio”.

Un Commento

  1. franco

    10 febbraio 2015 a 17:21

    Caro Luca, quel che chiedi è impossibile in una giunta di sinistra. Gli rode perciò meglio dimenticare…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Cartellone sparisce per la festa, poi riappare:”Perché blackout democratico?”

Ventiquattr’ore per vedere due cartelloni sparire e riapparire in piazza. Quello del grupp…