Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

I social come Facebook, oggi, riescono a farci arrivare in tempo reale le foto e le immagini di ciò che succede in giro per il mondo. Questa storia inizia da un video pubblicato da Sergio Catalano, in cui emerge l’ indignazione per il taglio di un ficus di oltre 20 anni accanto alla propria abitazione a Caucana. I commenti, così come oramai accade spesso, sono sfociati anche sui disservizi nella borgata marinara non lesinando critiche. Ieri siamo andati sul posto, per verificare i luoghi e ascoltare i residenti. In tanti si sono avvicinati non solo per mettere in risalto la mancanza di pulizia nelle strade, nelle due aree verdi di via delle Eolie o di un palo di illuminazione che non funziona da anni, ma anche per esternare il proprio dissenso ad una frase detta da un operatore del verde pubblico, che al taglio dei rami diceva: “A settembre li taglieremo tutti”. Cosi come si evidenzia dalle foto, sono alberi di alto fusto, piantumati 40 anni fa dal signor Rizzo (dipendente forestale), che ci ha lasciato in eredità l’unico polmone verde del quartiere. Forse una buona potatura, equilibrata e fatta nei periodi giusti con la sistemazione di fiori e piante ornamentali, magari con qualche gioco per bambini, non solo darebbe lustro e vivibilità ai luoghi, ma eviterebbe di farci pensare che Caucana è abbandonata a se stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Libera…Mente: una “panchina rossa” per dire no alla violenza sulle donne

In occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le don…