Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

In tante città italiane, attraverso l’app “No Barriere” si possono conoscere piazze, vie e persino i marciapiedi per i diversamente abili. A Punta Secca, in via Giuseppe Saragat, non solo non è cosi, ma per come abbiamo visto noi di Santa Croce Web, dopo la chiamata di un cittadino una scivola è stata abbattuta e rimossa. Sicuramente attraverso un giusto provvedimento del Sindaco attraverso l’ufficio tecnico, in una abitazione esistente da oltre cinquanta anni, prima ancora che venissero allineate le strade dai lottizzanti. Così come le altre borgate del comune di Santa Croce Camerina, la location del commissario Montalbano continua ad avere marciapiedi inaccessibili, alti e privi di scivolo, con buche e sampietrini sconnessi, tombini quasi staccati dal manto stradale e le erbacce coperte dalla sabbia del mare che nascondono insidie. Per chi è a bordo di una carrozzina muoversi in questi luoghi è spesso un percorso a ostacoli. Per noi la rimozione di questa scivola, pur se obsoleta e anche se per una giusta motivazione, ha tolto la libertà di un uomo, che da oggi è costretto a superare non solo le barriere architettoniche, ma anche quelle mentali. Ritorneremo su questa vicenda cercando di fare luce e consultando, qualora lo vogliano, l’ufficio tecnico comunale, nella persona del suo dirigente, ed il proprietario dell’abitazione. Il fine sarà solamente conoscere la verità  o quella verità che tra venti giorni a nessuno sarebbe interessata.

Un Commento

  1. Caterina Palumbo

    23 agosto 2016 a 18:49

    In data odierna, 23 Agosto 2016, un violento fronte temporalesco si è abbattuto sulla Spiaggia di Montalbano….purtroppo anche questa volta, grazie alla costruzione di piazzole sopraelevate rispetto al manto stradale e alla privatizzazione (abusiva) di una intera strada che affaccia sul mare, lungo tutto il percorso di Viale Kennedy l’unica via di sfogo delle acque piovane resta via Vivaldi…gli amministratori,che hanno prontamente apposto un nastro per impedire alla gente di precipitare in una voragine creata dalla fiumara, hanno idea del disagio che tali eventi crea ai residenti e ai bagnanti? Certo siamo lontani dalla famosa “casa” ma le tasse le paghiamo anche noi e siamo stanchi di tale situazione….
    A tal proposito vorrei anche pubblicare delle fotografie….

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

L’orto botanico delle meraviglie: caffè, cotone e papaya a due passi da casa

Chi l’avrebbe mai detto o pensato che, a pochi passi dal centro abitato di Santa Croce, es…