Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Domani a Punta Secca verrà ricordata una donna buona, solare, che amava il mare e amava viaggiare. Era così per gli amici e i parenti Adele Puglisi, una delle vittime italiane della strage di Dacca in Bangladesh, avvenuta esattamente un anno fa. Assassinata alla vigilia del suo rientro a Catania, dove abitava, anche se nella sua città d’origine, raccontano gli amici, stava al massimo 20 giorni l’anno, perché era sempre in giro per il mondo per il suo lavoro e quando voleva ritrovare la sua vera dimensione ritornava nei luoghi di Montalbano e nella sua Punta Secca. Per ricordare Adele e le altre vittime, la polisportiva Acqua Azzurra, il comitato provinciale ACSI di Ragusa e gli amici di sempre stanno organizzando la “Prima traversata nel mare di Adele”. Sarà una manifestazione di nuoto per adulti e bambini che avrà luogo nella spiaggia di Torre Scalambri a partire dalle 8.30 di domenica mattina. Molte le associazioni di volontariato e non a sostegno dell’iniziativa: una maglietta con le effige di un tulipano giallo, fiore preferito da Adele, verrà indossata da tutti i partecipanti con in testa il Sindaco e l’amministrazione comunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Nella morsa dei rifiuti: l’impegno della giunta Barone dal suo insediamento

Il problema rifiuti domestici sta raggiungendo livelli veramente preoccupanti nel comune d…