2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Montalbano boom: 1,2 milioni di pernottamenti in provincia nel 2017

Incremento di traffico anche negli aeroporti di Catania e Comiso

1 873

Record di presenze turistiche nei luoghi del commissario Montalbano. La fiction figlia dei romanzi scritti dalla penna di Andrea Camilleri, ha fatto conoscere borghi, spiagge, paesini della Sicilia carichi di fascino che tutti ormai, visitatori stranieri e locali, vogliono ammirare. A confermarlo i numeri del sistema aeroportuale del sud-est Sicilia: i passeggeri di Catania e Comiso sono passati dai 5 milioni del 2014 ai 6,4 milioni del 2017 (+28%). Nelle strutture ricettive della provincia di Ragusa sono stati superati gli 1,2 milioni di pernottamenti e le prenotazioni sono in crescita. Le scene principali della fiction hanno fatto emergere le bellezze di Ragusa Ibla, Scicli e Modica. Uno dei posti più visitati è la frazione di Santa Croce Camerina, Punta Secca, dove si trova la casa del commissario Montalbano. Si affaccia sul mare e ora è un bed&breakfast dove provare l’ebbrezza di dormire nelle stanze in cui vive il commissario più famoso d’Italia. (Ansa)

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
1 Commento
  1. Salvatore Brugaletta dice

    Questo è un dato molto importante per il nostro territorio. Bisognerebbe sensibilizzare le istituzioni locali affinché possano fare pressione sui vari organi statali ed europei per uno sviluppo maggiore del territorio e con sviluppo intendo una valorizzazione massiccia di un salotto (territorio) che parte dalla pulitura delle sterpaglie ai margini delle strade comunali, provinciali etc. alla potatura di giardini privati che trasbordano sulle vie di comunicazione ad un incentivo semplificato con canoni predeterminati per tutti quelli che intendono imprendere seriamente sulla via del turismo rurale .
    I mezzi ci sono, gli aeroporti pure , il mare , la storia di un territorio , la nostra gente, le nostre tradizioni. Quindi via a scambi culturali con paesi limitrofi, fiere ben organizzate, eventi , degustazioni con risonanza internazionale…… non devo insegnare niente a nessuno, io vendo vini.

    Salvatore Brugaletta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.