“Il sindaco persevera sulle strisce blu: è da ottusi”. Scontro Barone-Pd

Il primo cittadino reagisce alla nota: "I parcheggi a pagamento sono un segno di civiltà"

688

“Mi ritrovo ancora una volta a replicare, mio malgrado, alle dichiarazioni del Pd cittadino che attacca su argomenti già ampiamente affrontati, discussi e replicati: strisce blu e programmazione estiva”. Inizia così la replica del sindaco, Giovanni Barone, alla polemica sulle strisce blu innescata – nuovamente – da Pd e Articolo uno. “Oltre ad aver ribadito più volte che le strisce blu rappresentano un segno di civiltà e progresso per la borgata, le stesse sono state istituite dopo un incontro con tutte le forze economiche che insistono nella borgata, che hanno voluto i parcheggi a pagamento per consentire un ricambio di turisti. Inoltre le strisce blu sono state anche ridimensionate, ampliando le zone con i parcheggi sulle strisce bianche anche nel centro. Poiché la stagione non è ancora finita, stiamo lavorando per un settembre in cui godere Punta Secca in tranquillità e più produttivo per le strutture economiche.”

“Mi accusano di attivare una politica ottusa, ma ottusa è ogni politica conservatrice e reazionaria al cambiamento di una borgata votata da qualche anno a diventare un punto di riferimento nel panorama turistico nazionale. Purtroppo l’aumento dei casi di positività al Covid 19 ha impedito a molti comuni, compreso il nostro, a ridimensionare il programma estivo. Nonostante ciò, non sono mancati spettacoli apprezzati e momenti culturali e il prossimo fine settimana Punta Secca ospiterà il Trofeo del Mare, manifestazione conosciuta a livello nazionale.” “Pertanto – conclude il sindaco – rimando al mittente queste polemiche, invitandoli invece a trovare argomenti su cui ci si possa confrontare serenamente e in maniera costruttiva.”

QUESTA L’ULTIMA NOTA DI PD E ARTICOLO 1

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...