Zago chiede interventi per la scuola: “Muoversi ora, settembre è vicino”

La consigliera e il circolo Meridiana chiedono di attivarsi per la ripresa delle lezioni

450

“Un altro anno scolastico è terminato. Quest’anno però, i cari scolari, hanno dovuto fare i conti con un nemico piccolo, invisibile, ma terribile e spietato al tempo stesso che ha sconvolto le vite e le abitudini di tutti”. Lo scrivono in una nota la consigliera comunale di Diventerà Bellissima, Chiara Zago, e il Circolo Meridiana di Santa Croce. “Il 5 marzo, infatti, a causa dell’emergenza Coronaavirus, lo Stato ha predisposto la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado per un periodo che sembrava potesse essere limitato, ma che in realtà non ha più avuto fine. Si è cercato di andare avanti nel miglior modo possibile e la D.A.D. (didattica a distanza) ha consentito di continuare a svolgere le lezioni. Ora, alla luce delle direttive dei vari decreti ministeriali, ancora non chiari e definitivi, ma che comunque sembrano orientati a mantenere in via preventiva e cautelativa le regole del distanziamento sociale, considerato che le strutture scolastiche di cui dispone il nostro comune già presentavano problemi a livello proprio strutturale e di sicurezza degli edifici, soprattutto per quanto riguarda il plesso 10 aule, vorremmo sollecitare questa amministrazione ad attivarsi subito e ad attenzionare una situazione che, ci rendiamo assolutamente conto, è molto complicata”.

“I bambini vanno tutelati, va tutelata la loro vita ed il loro diritto allo studio – prosegue la nota -. Settembre sembra lontano, ma tenuto conto di quanto siano complicate le problematiche inerenti alla scuola, riteniamo sia opportuno muoversi subito in tal senso e cercare soluzioni per poter risolvere il problema della precarietà delle strutture scolastiche e dell’esigenza di poter garantire agli alunni di frequentare la scuola nella massima sicurezza e potendo garantire che sia rispettato il necessario “distanziamento” di sicurezza. Si potrebbe, ad esempio, fare una ricognizione delle varie strutture e di eventuali edifici appartenenti al Comune da poter adibire ad aule scolastiche ed a spazi necessari per eventuali attività extracurriculari che potrebbero essere programmate dalla scuola per arricchire l’offerta formativa”.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...