L’Avis abbatte la distanza fisica con un grande progetto di solidarietà

Il gruppo giovani continua la sua opera nelle scuole: nasce CalendAvis 21/22

599

In questo periodo storico della nostra vita, associativa e non, gli incontri e i rapporti di aggregazione e di unione solidale face to face, purtroppo vengono meno. Da più di un anno abbiamo modificato tutti i paradigmi comunicativi e ricreativi di fare associazione, lo schermo di un dispositivo mobile o di un computer è stato il collante principale per tutti gli incontri e Avis, seppure in netto contrasto con gli ideali di rete che promuove da sempre, ha dovuto adeguarsi e attenersi alle restrizioni.

Oggi un esempio di voglia di fare, di voglia di esserci sempre e comunque, abbattendo le distanze fisiche nel rispetto delle normative vigenti in materia di Covid-19, è stata dimostrata dall’Avis di Santa Croce Camerina con il Gruppo Giovani, il Presidente Comunale Pagano e il Presidente Regionale Mandarà i quali, dopo un anno di pandemia e di blocco con gli incontri scuola e le varie iniziative che da sempre sono state parte fondamentale per l’associazione camarinense, hanno portato a termine la presentazione del progetto: “Calendavis 21/22 – Dodici mesi di solidarietà” in collaborazione con l’Istituto Psaumide di Camarina.

La disponibilità della Maestra Pinuccia Occhipinti, Prof.ssa Margherita Fontana e Prof. Giorgio Scrofani che hanno creduto fortemente nel progetto e sono stati i primi promotori e divulgatori del progetto all’interno della scuola, grazie soprattutto alla massima disponibilità della Dirigente Scolastica Prof.ssa Franca Maria Branca la quale ha aperto le porte virtuali delle classi 5^ elementari e 2^ medie, l’Avis di Santa Croce Camerina nelle giornate di ieri e oggi ha effettuato dei piccoli incontri in collegamento con le varie classi per lanciare e consolidare il messaggio solidale e arricchire i più piccoli e i più giovani sul gesto del dono del sangue, plasma ed emocomponenti.

I ragazzi, con il sostegno dei docenti, anche loro educatori e sostenitori del progetto, alla fine di ogni incontro portano sul diario un piccolo compito da fare nei giorni che verranno: un disegno, una rappresentazione grafica, uno slogan che rappresenti il loro pensiero sulla solidarietà, sul civismo e sull’aiutare gli altri anche tramite la loro visione di Avis. L’istituto, i ragazzi e le loro famiglie, e la sede dell’Avis di Santa Croce Camerina verranno “premiati” tramite la realizzazione di un calendario in cui verranno inseriti i disegni selezionati, con l’aiuto del Prof. Scrofani e inoltre tutti gli elaborati, grazie al permesso della DS Prof.ssa Branca, verranno esposti nel periodo estivo in una mostra che si terrà nella location del Commissario Montalbano, Punta Secca.

Con oggi, i più piccoli ci hanno dimostrato che tralasciando la barriera della distanza fisica si può essere sempre presenti, attenti e partecipi anche su temi un po’ più “grandi” di loro, quindi ringraziamo soprattutto loro che dalle proprie camerette hanno preso appunti e con il sorriso hanno partecipato attivamente.

a cura di Gruppo Avis Giovani

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
Caricamento...